Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Vai al contenuto

Siamo tutti schiavi dei nostri stessi pensieri. Senza nemmeno rendercene conto dipendiamo esclusivamente da questi.

Abbiamo la capacità di ragionare ed elaborare pensieri di qualsiasi tipo, distinguedoci l'uno con l'altro. Ma proprio questi meccanismi mentali ci rendono schiavi allo stesso tempo.

Un pensiero che ci assale, di qualsiasi tipo, non riusciamo a cancellarlo, al massimo troviamo alternative ma il pensiero rimane sempre. E in tutto ciò noi ne dipendiamo.

Il nostro umore, le nostre giornate, le nostre scelte, tutto dipende dal nostro pensiero.

Creiamo mondi in cui crediamo di avere qualsiasi tipo di libertà, ma nella realtà dei fatti rimaniamo sempre schiavi dei nostri pensieri.

Essere schiavi dei pensieri propri e allo stesso tempo, vivere felici. È un baratto che facciamo dalla nascita, cediamo la libertà per il pensiero, con la quale creiamo la nostra felicità e tutto ciò che ci interessa.

L'uso del pensiero è fondamentale, sviluppare un ragionamento abbinato alla cultura e alla maturità, porta a prendere coscienza di tutto.

Ed è immensa la cultura, non esiste nessun limite e non si finirà mai di apprendere nuove cose da questa vita. E la perfezione come si raggiunge?

La perfezione è un pensiero creato da noi, perché nessuno sa com'è la perfezione, ma tutti la conoscono nella propria testa.

E i sentimenti? E tutte le forme di dolore? Nessuno conosce il vero volto, ma ognuno di noi si è creato nella propria testa un'immagine di queste cose, condividendole con tutti e trovando quei punti di incontro.

Personalmente penso che tutto questo sia affascinante. E secondo il mio parere, se non fossimo schiavi dei nostri stessi pensieri, rendendoci di volta schiavi dei criteri nel vivere in questa società creata da noi, dando una logica a tutto, inserendo un pensiero di "giusto o sbagliato" secondo determinati canoni, semplicemente regnerebbe il caos e la pazzia totale.

L'essere pazzi vuol dire non essere schiavi dei propri pensieri, uscire da tutti i schemi auto-creati tramite la ragione.

Non sarebbe una cosa bella, o forse si? Insomma preferisco rimanere schiavo del mio pensiero, con la mia vita costruita secondo la mia cognizione, con la mia felicità.

Anche perché troverei stupido vivere in maniera triste. Se la vita la creiamo con le nostre mani, quello che non ci fa bene bisogna eliminarlo.

Anche se siamo tutti schiavi dei nostri pensieri, almeno cerchiamo di crearci nei migliori dei modi la nostta, individuale, felicità.

DomenickStyle

Sei sempre nei miei pensieri

Sei sempre nei miei pensieri, durante il giorno, la notte, nelle ore quotidiane sei sempre te che riempi e dai un senso alle giornate. Quante volte dedichiamo questo pensiero alla persona che amiamo? Infinite volte, perchè qui parliamo di amore, quello vero, e il pensiero che rivolgiamo alla persona amata è esattamente lo specchio della nostra anima, i nostri desideri, tutto ciò che vorremmo che si realizzasse insieme al nostro amore. Sei sempre nei miei pensieri vuol dire essere parte della stessa vita, essere non solo parte ma anche partecipe della stessa vita, significa prendere quella reale coscienza di condividere qualsiasi gioia o dolore senza preoccupazioni di giudizio o critica, perchè quella esatta persona ci fa semplicemente stare bene, ci accetta, ed è il nostro punto di riferimento. I pensieri come obiettivi, o meglio pensando la persona che amiamo stiamo dando quella spinta e quel senso in più nel lottare tutte le difficoltà che si presentano nella nostra vita. Il non fermarsi mai a nulla, una lotta fatta per noi stessi ma sopratutto per dare felicità alla persona che fa parte della nostra vita, quindi ripeto e sottolineo: sei sempre nei miei pensieri. E tutte le volte che ascoltiamo quella voce? La voce del nostro amore, come facciamo a non ripensarla? Personalmente trovo che la voce sia una delle forme più belle in una persona, perchè è lo specchio della propria anima, è l'espressione del corpo, anche senza vederlo, sentendo quella voce che prende vita nella nostra mente la figura della persona che amiamo, e rimane li, col suo modo di parlare e le sue espressioni, e tutto questo è ossigeno puro per il nostro amore. E il suo profumo? I suoi baci? Tutto rimane nei nostri pensieri, perchè quella esatta persona è il nostro amore, quello che portiamo dentro di noi ovunque, e non ci sono momenti che smette di esistere, fa parte di noi, è la nostra felicità, ed è la cosa più bella che possa esistere. Sei sempre nei miei pensieri.

DomenickStyle

< Clicca qui se vuoi ritornare alla pagina precedente.

Manipolazione di Pensieri

Manipolazione di Pensieri, è un argomento vivo della nostra società e dei vari rapporti che intercorrono, parliamo di Manipolazione: ovvero quella capacità di indurre un individuo a compiere azioni o inclinarlo su una determinata direzione. Ma perchè fare questo? Ovviamente parlo di quella manipolazione che avviene inconsciamente, nel pensare se stessi, quindi positiva, non quella che avviene meccanicamente, studiata a tavolino, quindi consapevoli di ciò che si sta facendo: li parliamo di Manipolazione di Pensieri insana, che ha delle sfaccettature malate, parliamo di gente che ha problemi come i pedofili, assassini, o comunque gente non per forza così pericolosa ma che ha comunque delle forme lievi o pesanti di disturbi, ma non voglio parlare di questo. Per rendere l'idea di quello che sto dicendo faccio un esempio pratico: avete presente quando andate a fare un colloquio di lavoro? In quel momento non guardate chi avete al vostro fianco, ma pensate unicamente a come riuscire nell'impresa. Oppure un esempio ancora più chiaro: avete presente quando vi innamorate veramente, e per quel amore, ciò che prima trascuravate di voi stessi dopo iniziate a dare più attenzioni, proprio per farvi piacere e per catturare l'attenzione? Potrei continuare con altri esempi, tutti col fine di mettere in evidenza il punto: che quando parliamo di cose personali, di ciò che tocca l'intimo o le passioni le fantasie o i problemi, la nostra attenzione si concentra unicamente su noi stessi, come se si accendesse un riflettore su di noi. Ecco quando avviene esattamente questo che, involontariamente, nel riuscire nell'intendo tendiamo anche a usare mezzi come: manipolare i pensieri di chi abbiamo vicino. La vita non è dolce, ma tocca a noi addolcirla, questo è scontato, e il manipolare non è un fattore negativo: Alt! Non datemi addosso, sono consapevole che non è una cosa buona manipolare, però sto evidenziando sotto un determinato aspetto: Il mettere al centro se stessi non è assolutamente negativo, ma è quella capacità di scoprirsi, di mettere in mostra i propri lati del carattere, le qualità che abbiamo, le doti che non è detto siano sempre alla luce ma hanno bisogno di essere coltivate nel tempo, insomma, il mettere in discussione, mettere in relazione, il mettersi in gioco con se stessi per raggiungere obiettivi, non c'è nulla di negativo. Nemmeno chi si ritrova, sopratutto in giovane età, inesperto davanti queste questione della vita quotidiana, che si ritrova ad avere a che fare con persone, amiche o conoscenti, che tendono a manipolare i pensieri a scopi propri. Non è da giustificare l'azione ovviamente, però: tutti per imparare ad andare in bicicletta siamo caduti almeno una volta. Quel che conta è comprendere il meccanismo, il sapersi valorizzare, il guardarsi non sotto gli occhi degli altri, ma con i propri occhi e mettere in mostra e pretendere ciò che si desidera: siamo noi che comandiamo la nostra vita e siamo noi che decidiamo come impostarla, con chi condividere e con chi proseguire il cammino. Generalmente questo aspetto si matura nei rapporti di amicizia, e ne ho già parlato nell'articolo dedicato: e l'unico modo per difendersi, non è solo la consapevolezza di questo aspetto, fondamentale, ma proprio il fatto di saper posizionare al proprio posto tutti i tasselli che compongono la nostra vita. E' la capacità e la consapevolezza di venire prima noi, con le nostre esigenze e volere, poi a catena: conoscenti, amici, familiari, amore, così come le passioni, hobby, lavoro ecc.. con tutto ciò che colore la vita intorno a noi. Nel momento in cui chiariamo con noi stessi questo aspetto fondamentale, allora significa che abbiamo fatto un grande passo nel migliorare la qualità della nostra vita, è il maturare appunto il concetto: di essere i padroni della propria vita. I rapporti, qualsiasi esso sia, parliamo sempre di: condivisione. Fateci caso a questi aspetti, non trascurate i dettagli, non trascurate voi stessi, date un reale peso e valorizzate quello che date, vi prodigate, e di ciò che vi ritorna indietro: la felicità dipende esclusivamente da voi. Non abbiate timore di svoltare nella vita, perchè nessuno mai vi consiglierà ciò che è giusto o meno per voi, quindi se maturate e siete pronti a svoltare non fermatevi, non bloccatevi ai pensieri di: fare dispetto o di procurare del male o cose simili, al resto. Fin quando parliamo di maturare, di fare passi in avanti, di cambiare, stiamo solo facendo del bene a noi stessi, e nel momento in cui si arriva a essere coscienti di tutto questo e ci ritroviamo davanti una persona che vuole manipolarvi per raggiungere uno scopo personale: sorridiamo, non può farvi nulla nel momento in cui siete coscienti di quello che è giusto per voi: le cose negative lasciamole andare via, non servono a nulla tenercele per mano.

DomenickStyle