Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Vai al contenuto

Immigrazione, Volontariato, Politica: ITALIA!

Immigrazione, Volontariato, Politica: ITALIA!

Immigrazione, Volontariato, Politica: ITALIA! Ormai leggo in giro, sui social, tanti commenti e articoli di tutte le maniere, e gente che strumentalizza, volontariamente e involontariamente, fatti quotidiani di cronaca e non solo abbinandoli a colori di politica che di fatto, personalmente, non ci trovo nulla in comune. A prescindere, voglio specificare in partenza, che non voglio assolutamente parlare di politica, la nomino solo ed esclusivamente per evidenziare un concetto: che determinati argomenti dovrebbe partire proprio dalla popolazione che si ritiene educata e civile, una lotta volontaria a mantenere NEUTRO un determinato argomento sociale. Voglio iniziare dalle iniziative volontarie che ci sono in giro nel nostro paese, che tanto di cappello faccio i miei complimenti e spero che continuino, però voglio fare un po' l'acido(altrimenti sempre dolce non va bene): continuo a vedere sempre e senza sosta e insistentemente tutte iniziative (volontarie) per questo tema dei migranti, come lo era poco tempo fa gli omosessuali, che meritano assolutamente attenzione e sono favorevole a queste iniziative per aprire la mente di tutti, ma ho la sensazione che ci dimentichiamo e mettiamo da parte i problemi Italiani? Perchè io ho questa sensazione, brutta, che questo continuo strumentalizzare gli argomenti, la gente si sta lasciando distrarre ed allontanare da quelle tematiche fondamentali e che richiedono visibilità nella nostra società. Penso alla gente senza casa, a causa di terremoti, debiti, licenziamenti, gente senza soldi, gente che si ammazza, leggi che personalmente ritengo obsolete e che dovrebbero essere riviste o addirittura abolite, chi ha perso lavoro, giovani che sognano un lavoro mettendosi in gioco e facendo spesso cose assurde, come i concorsi pubblici che spesso hanno delle modalità di selezione che ritengo assurde, prive di senso e sopratutto per niente meritocratici. Sensibilizzazioni che dovrebbero essere fatte ogni giorno per cercare di aprire la mente a 360° su tanti temi, non solo quello degli omosessuali, senza ombra di dubbio importantissimo, ma andare anche oltre agli ormai classici temi come il razzismo, l'omofobia ecc si dovrebbero mettere alla luce con costanza e forza, da tutta la popolazione, da volontariati temi importanti oltre a questi, come quello della prostituzione, che alimenta una evasione fiscale pazzesca, degli abusi e violenze assurdi, abusi che partono in prima linea da tutti noi, spesso e volentieri insultandole inconsciamente e ignorando una categoria sociale, che non ha ne diritti ne protezione ne voce in capitolo, proprio come i migranti, i zingari, per poi finire tra le categorie più debole della nostra società, che sono i disabili(quelli veri), gli anziani, i bambini ecc. Ma non finiscono qui le iniziative che si potrebbero creare e dovrebbero essere temi centrali della società, ci starebbe ad esempio: la promozione del territorio, dei beni presenti in ogni città metropolitana, delle periferie e sopratutto i paesi circostanti, che spesso si mette sotto i riflettori i punti dove maggiormente si concentra la movida e il turismo, le politiche sopratutto si fermano unicamente in quei punti perchè sono considerati "fonti sicure di guadagno" e ignorando completamente le periferie, lasciandole al degrado, isolando e rimanendo allo scuro i paesi e tutti i patrimoni artistici e culturali presenti all'interno dei paesi.  L'introduzione di nuove tecnologie, partendo dalla diffusione delle notizie che arrivano dal mondo, perchè noto che manca proprio l'informazione, non tutti sanno usare internet e chi lo usa non è detto che si mette a cercare nel mondo le tecnologie e i cambiamenti che ci sono, perchè non creare iniziative, volontarie, in cui si presentano tecnologie nuove, tanti mezzi che potrebbero aiutare a semplificare la nostra vita, potrebbero venire incontro ad aiutare a risolvere problemi che riguarda la comunità, potrebbero creare lavoro e tante altre cose, perchè manca questo? E' mancanza di volontà, interesse o si vuole semplicemente ignorare volutamente? Parlando del concetto  facile e semplice, ma che spesso noto una totale mancanza delle basi, è l'avere cura del territorio, perchè non introdurre, ad esempio: più iniziative di pulizia dei mari, dei fiumi, delle strade, piazze, non solo del centro città, ma anche le periferie, i paesi, non sarebbero delle iniziative volontarie che terrebbero impiegati dai più piccoli a quelli più grandi? Magari creando anche opportunità lavorative, senza colori e politiche. Avere cura del verde pubblico, introdurre un sistema in modo da agevolare il verde, che spesso manca nelle città e che fa solo bene a noi e al pianeta, dove sono queste iniziative? Lotta contro l'inquinamento, ormai sembra diventata una cosa scontata che ne parla solo la politica, ma la gente? Volontariato che introduce o almeno mette a conoscenza la gente dei strumenti nuovi che potrebbero contrastare l'inquinamento, che è vasto come argomento ma sopratutto devastante per la vita su questo pianeta. Iniziative di volontariato per valorizzare ciò che abbiamo, in modo tale da dare più un senso di "rispetto" verso questo patrimonio presente sotto i nostri piedi, che può essere una chiesa o una stazione, e personalmente penso che ciò che rovina e da un brutto esempio, al di fuori della mancanza d'iniziativa da parte della popolazione, è il concetto che tutto è "gratis", come le strutture pubbliche, non ci sarà mai un vero rispetto, partendo dai più piccoli ai più grandi, ad esempio nei confronti delle strutture scolastiche o pubbliche come le stazioni, le metro: fin quando è tutto gratis, statale, si pretenderà sempre che una persona terza andrà li a pulire e riparare i danni e la sporcizia che senza ritegno, spesso, viene lasciato, e siamo tutti protagonisti di questa cosa, a prescindere dall'età e dal ruolo che si ricopre nella società. Migliorare un po' la visione Italiana per quanto riguarda il "legale" visto che spesso si confonde questa parola con "libertà", quindi si finisce ad acquistare cose in nero, vedendolo da qualcuno, questo sistema di evasione in nero come strumento di fuga per "campare" e quindi per la "libertà" personale e della società (assurdo come visione!), come spesso questa evasione accade sotto gli occhi di tutti, nel silenzio totale, ai mercati e non solo, ma il peggio si vede poi quando la gente (che la definisco incosciente e che non da peso alle parole) iniziano a pretendere di forza i "servizi pubblici", magari parlando di "patrimonio pubblico", cercando di buttare la polvere sotto al tappeto, ignorando che la mancanza di fondi è anche causa nostra e della nostra mentalità. (Popolo e Stato sono la stessa identica cosa, lo Stato<>Popolo ha i soldi, ma esiste anche un fondo). Problemi inerenti alla burocrazia, sembrerà banale, ma questa macchina burocratica così complessa porta a stress e di conseguenza la soglia di sopportazione si accorcia, quindi ci servirebbe un'informazione e divulgazione proprio di questi messaggi, per prendere iniziative che portino a migliorare la qualità della nostra vita quotidiana, ad esempio: il giro infinito che una pratica deve fare tra uffici e ministeri, anche la più banale, ma allo stesso tempo può venire, durante il suo percorso, bloccata da una legge che rimanda indietro la pratica per ricominciare tutto da capo, oppure che deve essere convalidata facendo altri giri, quindi ulteriore spesa di tempo a discapito di chi aspetta, e non vedo nessun volontariato in giro, che invita a prendere iniziative per emancipare o per migliorare questa macchina burocratica. Tutto questo che sto dicendo non sto pensando e non c'entra nulla con la politica, sto facendo discorsi da essere umano, amante della pace e della libertà d'espressione. Per quanto riguarda il tema molto attuale sui migranti, credo che sia il più altamente sfruttato e strumentalizzato, addirittura esistono più "organizzazioni volontarie" per questo tema, che centri di informazione e di iniziative di tutti i temi che ho elencato fino a ora: come mai? Non voglio approfondire, perchè si finisce di parlare di economia e politica, e non sono per niente interessato, voglio andare al concetto base: un Italiano che scappa da questa terra, in cerca di lavoro o per altri motivi, è una cosa positiva? Non credo proprio. La destinazione in cui arriva, deve essere accettato nella giusta maniera e con le regole e cultura del territorio, ed è giustissimo così. Ma quell'Italiano che è scappato all'estero, non credo minimamente che abbia "formattato" la sua memoria, dimenticandosi le sue origini, la sua famiglie, i suoi amici, i primi amori, le prime esperienze ecc. E' una battaglia persa su due fronti: dal fronte del luogo, dello stato/popolo, che mette in condizione che un soggetto deve fuggire dalla sua terra di appartenenza. E poi c'è il fronte del soggetto che si ritrova i quelle condizioni, e non esiste oro al mondo che possa colmare un dolore e una ferita che si porta dentro. Perchè sto dicendo questo? Lo sto dicendo perchè il volontariato e le iniziative nei confronti di queste persone che hanno bisogno di soccorsi, l'aiuto concreto sarebbe quello di ritrovare la dignità, un futuro, e impedire che avvengano queste emigrazioni disperate. Perchè personalmente, ogni volta che mi ritrovo un ragazzo che mi pulisce il vetro della macchina al semaforo, oppure fuori al supermercato che si mette umilmente a disposizione ad aiutare a portare la spesa in macchina, oppure che si mette a gestire il parcheggio delle macchine che escono ed entrano, è la prova concreta che abbiamo fallito come UMANI, come "civiltà" (presunti civili). Tutto ciò che per noi è considerato normale non lo è per queste popolazioni, ne tanto meno è presente nelle terre d'origine. Quindi il fallimento sta in questo concetto: quando partono per venire da noi, o in altri luoghi, si è falliti come popolazione che si ritiene "civile", e le battaglie non si vincono aiutando chi scappa dalla sua terra, ma si vincono aiutandolo per non farlo scappare, per dargli forza a lottare contro un sistema che l'ha messo in condizioni di fuggire. Ognuno di noi ha la propria visione del "giusto" e "sbagliato" ovviamente, ma quando parliamo di diritti umani, di vita sociale e tutti questi temi che ho citato, dovremmo agire nel bene di queste popolazioni, e il primo bene è quello dell'informazione, di guardare la realtà, di stare con i piedi a terra e di pesare le azioni che si fanno, ma sopratutto ci vuole l'emancipazione mentale. 

volontariato

vo·lon·ta·rià·to/

sostantivo maschile

  1. 1. Servizio volontario nelle forze armate di uno stato o in una formazione militare o paramilitare.
  2. 2. Ogni prestazione di lavoro, gratuita o semigratuita, fatta al fine di acquisire la pratica necessaria allo svolgimento di un'attività professionale o di un lavoro e il relativo titolo di riconoscimento.

Tutto deriva da "Volontà", oltre le parole ci sono i fatti. Ma davvero ritenete che la politica sia così fondamentale? Fin quando si passava dal re e dalla regina a un sistema democratico, visto che era un momento di passaggio e non era facile concretizzare il cambiamento, visto che come è noto sicuramente a tutti c'era l'analfabetismo totale, quindi c'era bisogno per forza di un punto di riferimento, di un leader, di una guida per l'introduzione e il funzionamento di un sistema democratico, scrivendo, grazie a una assemblea costituente appunto, delle leggi base ed eque per tutti (la nostra costituzione 2/06/1946). Ma adesso bisogna svegliarsi, siamo nel 2018 con un avanzamento culturale, non credo che c'è bisogno di un ipotetico "terzo" che può essere una persona, un governo sotto un determinato colore, simbolo o altro, per dire queste cose che sto scrivendo.  Sono convinto che in una epoca come questa non c'è più bisogno di "colori politici" ne di "etichette", sono tutte cose che ci limitano in un cerchio e ci obbligano a rimanere a seguire delle determinate idee. Questo è per me strumentalizzare, il cercare di rimanere vincolati in un gruppo, è il cercare di alimentare quella mentalità conservatrice, per evitare l'emancipazione, e quindi il semplificare e l'andare incontro ad altre tematiche. Tutto questo lo vedo assurdo, ma allo stesso tempo noto che ancora parecchi non l'hanno percepita questo concetto tra l'essere conservatori ma aprendosi alle nuove iniziative, all'evoluzione in positivo della società, aprendo nuovi capitoli che migliorano qualitativamente tutto il sistema e se stessi. Ma allo stesso tempo questi stessi soggetti, vittime il più delle volte da chi politicamente ci vuole in un recinto per essere gestiti a dovere, si domandano: perchè siamo fermi? perchè non c'è quella evoluzione che esisteva un tempo (anni 70/80)? perchè facciamo così fatica ai tempi attuali vivere serenamente? Semplice, le sapete le risposte le abbiamo davanti agli occhi ogni volta che prendiamo uno smarphone o guidiamo una macchina ibrida o quando acquistiamo come se fossimo in un supermercato, qualsiasi oggetto o altro utilizzando un tablet, trasferendo somme di denaro da un conto a un altro, per rendere l'idea del perchè si soffre: è come se avessimo una qualsiasi macchina moderna ma col finestrino che si cala manualmente, oppure avere una promozione con 30gb di internet, ma la scheda in un nokia 3310, penso di aver reso l'idea no? Abbiamo la tecnologia che ci permette di stare in comunicazione in tempo reale col mondo, ma preferiamo usare il cartaceo per ogni singola pratica e appesantire con mille burocrazie, spendendo soldi tra l'altro. Abbiamo sistemi tecnologici che potrebbero tenere in sicurezza e controllare le nostre città, paesi, eppure affidiamo tutto nelle mani delle nostre forze dell'ordine. Ci fanno vedere in tv satelliti artificiali che girano intorno alla terra nello spazio, e robot che camminano su marte, e ancora facciamo guerre per il petrolio. Io vedo che fa molto comodo a queste persone "terze" manipolare, con colori, simboli e chiacchiere chi è rimasto fermo nella sue credenze da "bravo" conservatore senza accettare l'evoluzione, proprio come vogliono gli altri. Quindi parliamo ancora di razzismo, di xenofobia, di omofobia, di tutte queste violenze, cercando di creare il più possibile questi problemi, perchè parliamoci chiaramente: senza questi problemi nelle società, poi si darebbe spazio all'evoluzione. SVEGLIA!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: