Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Vai al contenuto

Automobili

Quante automobili ci sono in Italia? Parliamo di cifre altissime. Come affrontare questa cosa?E' colpa della mancanza di trasporti pubblici? Queste sono le tipiche domande che si sentono sempre in giro.

Attualmente non esiste nessuno in italia che non possiede un mezzo di trasporto, che sia un'automobile o altro, l'esigenza di possedere un mezzo di trasporto prevale su tutto. Senza prendere stime e dati, se in Italia ci sono circa 60milioni di abitanti, levando anziani, bambini, chi è impossibilitato per motivi vari e chi in un nucleo familiare sfrutta una sola auto, ma non ne possiede una propria, si può facilmente capire quante auto ci sono solamente in Italia.

C'è chi dice: è proprio nella cultura nostra il fatto di usare l'auto invece del trasporto pubblico. E posso confermare che è così, ma questo non va a giustificare nulla, perchè sono solo dei pareri personali. Perchè non si usa il trasporto pubblico?

Le domande da fare ne sono veramente tante, ma andiamo al dunque mettendo in evidenza del cosa non spinge, secondo il mio parere, il non utilizzo dei mezzi pubblici e quindi l'affermazione delle automobili.

Partiamo dai confort: un qualsiasi trasporto pubblico, garantisce tutti i confort dell'auto privata?  Su questo direi per niente. Vogliamo mettere la propria auto, in cui si va a creare un ambiente come se fosse una casa, con un mezzo pubblico usato da milioni di persone e dove l'igiene, meglio evitare il discorso. Ecco quindi perchè un italiano preferisce spendere bollo, assicurazione e tagliandi pur di non usare il trasporto pubblico.

Ma effettivamente non sono per niente contrario al possesso di un'automobile o qualsiasi altro mezzo privato. Perchè come ho appena finito di dire, è un bene personale. Ma proprio perchè parliamo di questo, personalmente penso che questo bene dovrebbe essere usato più che altro per lo "svago" o per determinate cose. Non che va a sostituire completamente la mobilità dell'essere umano.

Ma al di fuori dell'utilizzo vario che si possa fare con un'automobile o qualsiasi altro mezzo, parlando di esigenze collettive, che riguardano tutti, il discorso cambia.

Le esigenze sono tante e chi lavora cerca di far coincidere tutto. La tipica giustificazione che si sentirebbe è: con l'auto usufruisco per fare i servizi prima di rientrare a casa dal lavoro. Oppure di passare a prendere il figlio da scuola o altro. C'è chi la butta giustificando le distanze, dicendo: purtroppo ai tempi attuali le distanze sono aumentate, e per svolgere qualsiasi servizio quotidiano, come fare la spesa, ci si sposta di parecchi chilometri dall'abitazione. Tutte giustificazioni esatte, ma qui si tende solo ed esclusivamente di giustificare la totale mancanza di efficienza e opportunità che dovrebbe garantire un servizio di trasporti pubblico.

Quindi, per me, il problema non sono i popoli ma il vero problema gira intorno al trasporto pubblico. Perchè se esistesse un trasporto pubblico che garantisse sicurezza, tempistica perfetta e sopratutto, una ramificazione seria del trasporto su tutto il territorio, che sia montagna, collina o città, sicuramente lo scenario cambierebbe. Almeno per quanto riguarda le esigenze quotidiane.

La sicurezza è fondamentale. Andare su un mezzo pubblico e ritrovarsi in situazioni brutte, ne viene di conseguenza che chiunque preferirebbe sempre ed esclusivamente l'automobile. I tempi anche sono fondamentali. Andare a lavoro e farsi trovare in orario è una cosa importante. Così quando si finisce di lavorare, si dovrebbe avere quella garanzia di ritorno. Ma sopratutto, che arrivino ovunque, senza limitazioni d'orario, dovrebbe essere un servizio disponibile h24, è esattamente questo che potrebbe fare la reale differenza.

Con un mezzo privato si può fare qualsiasi cosa, in qualsiasi orario. Mentre con i trasporti pubblici questo non avviene. Non voglio discutere delle possibilità lavorative, è un articolo solo per ragionare.

C'è tutto un sistema che non investe nelle infrastrutture, non incita a sviluppare e a creare anche nuovi servizi di trasporti, e per finire, tenta di sotterrare tutto questo. 

Questo argomento viene spesso sorvolato, ma immaginate se ci fossero servizi che garantissero a tutti di essere trasportati ovunque, in qualsiasi orario e con quelle sicurezze e tempistiche reali? come cambierebbe lo scenario? Di giorno se i lavoratori utilizzassero i mezzi di trasporto, si dimezzerebbero le auto in circolazione, e di conseguenza, ci sarebbe molto meno inquinamento.

Riflessione terminata. Dannata manipolazione da marketing.

🙂

DomencikStyle

6 thoughts on “Automobili

  1. Moon

    Ti capisco e in parte la penso come te. I trasposti pubblici dovrebbero essere migliorati. E anche più economici. Io vivo in un posto dove in pratica non esistono trasporti pubblici. A Milano è più facile. qui ci abitano 300 persone. ci sono due o tre autobus al giorno... se non hai la macchina o hai 15 anni o sei fottuto, non vai nemmeno a lavorare (il mio capo, per esempio, tende a non assumere i non auto muniti: e ha ragione: quando finisci un turno alle 11 di sera, come ci torni, a casa? ). Non tutti i posti sono uguali. La città ti dà la possibilità di evitare la macchina, volendo. Mia nonna ha vissuto a Roma per tutta la vita senza macchina...

    Rispondi
    1. domenick

      Esatto!! Ti capisco perfettamente. Io vivo in città quindi non ho questi problemi di spostamento all'interno. Ma già se dovessi pensare di andare in un luogo fuori città, senza macchina, diventerebbe un dramma. E ci penso tante volte a questa cosa, e non riesco a immaginare una vita senza un'auto. Ed è assurdo! Non dovrebbe essere così. E' come non riuscire a immaginarsi una vita senza telefono! Non dovrebbe essere così! 🤣

      Rispondi
    1. domenick

      Ovvio, perchè la realtà dovrebbe essere esattamente come la vivi in Inghilterra, usando i piedi e qualsiasi mezzo di trasporto pubblico per svolgere le faccende della vita quotidiana e non solo. Dovrebbe essere in tutto il mondo così. Ovvio ogni stato ha i suoi disagi, in base alla densità della popolazione, all'estensione del territorio, alla morfologia, ai governi, sopratutto i governi, che anche se non ci sembra ma c'è una grossa distinzione tra monarchia parlamentare, repubblica, stati federali. Ma insomma l'argomento trasporti qui da noi è proprio abbandonato al sistema di quando fu inventato! Speriamo che la storia cambi col tempo! 😪

      Rispondi
        1. domenick

          Verissimo!! Ma è risaputo, il nostro è un paese molto particolare e gli italiani non sono da meno. Le cose dovranno cambiare per forza, non ha vita lunga un sistema retto in questo modo! Il mondo è cambiato e di conseguenza anche in Italia è cambiato proprio il modo di porsi nella vita quotidiana. Quindi per esigenza proprio si arriverà a cambiare le cose!! Speriamo quanto prima insomma, perchè ce ne sono davvero tante di cose che potrebbero essere sfruttate davvero bene e in maniera produttiva!!! 🙏🤞😊

          Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: